finanza utile
Finanza utile
venerdì 20 aprile 18 - 18:03






Come chiedere la maternità. Guida e casi particolari

La maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante il periodo di gravidanza e puerperio.

Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro la lavoratrice percepisce un’indennità economica in sostituzione della retribuzione. Il diritto al congedo ed alla relativa indennità spettano anche in caso di adozione o affidamento di minori.

In presenza di determinate condizioni che impediscono alla madre di beneficiare del congedo di maternità, il diritto all’astensione dal lavoro ed alla relativa indennità spettano al padre (congedo di paternità).

A CHI SPETTA

alle lavoratrici dipendenti assicurate all'Inps anche per la maternità (apprendiste, operaie, impiegate, dirigenti) aventi un rapporto di lavoro in corso alla data di inizio del congedo

alle disoccupate o sospese se ricorre una delle seguenti condizioni (art. 24 T.U.):
  • il congedo di maternità sia iniziato entro 60 giorni dall’ultimo giorno di lavoro
  • il congedo di maternità sia iniziato oltre i predetti 60 giorni, ma sussiste il diritto all'indennità di disoccupazione, alla mobilità oppure alla cassa integrazione. Per le disoccupate che negli ultimi due anni hanno svolto lavori esclusi dal contributo per la disoccupazione, il diritto all’indennità di maternità sussiste a condizione che il congedo di maternità sia iniziato entro 180 giorni dall’ultimo giorno di lavoro e che siano stati versati all'Inps 26 contributi settimanali negli ultimi due anni precedenti l'inizio del congedo stesso
  • alle lavoratrici agricole a tempo indeterminato ed alle lavoratrici agricole tempo determinato che nell’anno di inizio del congedo siano in possesso della qualità di bracciante comprovata dall’iscrizione negli elenchi nominativi annuali per almeno 51 giornate di lavoro agricolo (art. 63 T.U.)
  • alle lavoratrici addette ai servizi domestici e familiari (colf e badanti) che hanno 26 contributi settimanali nell'anno precedente l'inizio del congedo di maternità oppure 52 contributi settimanali nei due anni precedenti l'inizio del congedo stesso (art. 62 del T.U.)
  • alle lavoratrici a domicilio (art. 61 T.U.)
  • alle lavoratrici LSU o APU (attività socialmente utili o di pubblica utilità di cui all’art. 65 del T.U.)
Non spetta alle lavoratrici dipendenti da Amministrazioni Pubbliche (incluse le lavoratrici dipendenti dai soppressi enti Inpdap ed Enpals) le quali sono tenute agli adempimenti previsti dalla legge in caso di maternità verso l’amministrazione pubblica dalla quale dipendono (artt. 2 e 57 del T.U.)
COSA SPETTA

Un periodo di astensione obbligatoria dal lavoro che comprende (artt. 16 e seguenti del T.U.):
prima del parto
  • i 2 mesi precedenti la data presunta del parto (salvo flessibilità) e il giorno del parto
  • i periodi di interdizione anticipata disposti dall’azienda sanitaria locale (per gravidanza a rischio) oppure dalla direzione territoriale del lavoro (per mansioni incompatibili)
dopo il parto
  • i 3 mesi successivi al parto (salvo flessibilità) e, in caso di parto avvenuto dopo la data presunta, i giorni compresi tra la data presunta e la data effettiva. In caso di parto anticipato rispetto alla data presunta (parto prematuro o precoce), ai tre mesi dopo il parto si aggiungono i giorni compresi tra la data effettiva e la data presunta
  • i periodi di interdizione prorogata disposti dalla direzione territoriale del lavoro (per mansioni incompatibili con il puerperio)
In caso di parto gemellare la durata del congedo di maternità non varia.
In caso di parto prematuro con ricovero del neonato in una struttura ospedaliera, la lavoratrice può differire, in tutto o in parte, la fruizione del congedo di maternità post partum al momento dell’ingresso del neonato nella casa familiare, sempreché le condizioni di salute della lavoratrice stessa ne consentano il rientro a lavoro (sentenza Corte Costituzionale n. 116/2011).
L'interruzione di gravidanza che si verifica dopo i 180 giorni dall'inizio della gestazione (180simo giorno incluso) è considerata a tutti gli effetti come "parto". Pertanto, in tale caso, la lavoratrice è tenuta ad astenersi dal lavoro per l'intero periodo di congedo di maternità salvo che la stessa non si avvalga della facoltà di riprendere l’attività lavorativa (art. 16, comma 1 bis, del T.U. modificato dal D.Lgs. 119/2011).
In caso di adozione o affidamento nazionale di minore di cui alla legge 184/1983 il congedo di maternità spetta per i 5 mesi successivi all’effettivo ingresso in famiglia del minore adottato o affidato preadottivamente nonché per il giorno dell’ingresso stesso (adozioni o affidamenti).
Per le adozioni o gli affidamenti preadottivi internazionali di cui alla legge 184/1983 il congedo spetta per i 5 mesi successivi all’ingresso in Italia del minore adottato o affidato nonché per il giorno dell’ingresso in Italia. Fermo restando il periodo complessivo di 5 mesi, il periodo di congedo può essere fruito, anche parzialmente, prima dell'ingresso in Italia del minore. Il periodo di congedo non fruito antecedentemente all'ingresso in Italia del minore in Italia, è fruito, anche frazionatamente, entro i 5 mesi dal giorno successivo all'ingresso medesimo.

I periodi di permanenza all'estero, non seguiti da un provvedimento di adozione o affidamento validi in Italia, non possono essere indennizzati a titolo di congedo di maternità, ma devono essere giustificati ad altro titolo. Per i periodi di permanenza all'estero è previsto anche un congedo non retribuito, nè indennizzato (art. 26, comma 4, T.U. maternità/paternità).
In caso di affidamento non preadottivo di cui alla legge 184/1983 il congedo spetta per un periodo di 3 mesi da fruire, anche in modo frazionato, entro l’arco temporale di 5 mesi dalla data di affidamento del minore.

LA DOMANDA

La domanda di maternità (o paternità) deve essere presentata all’Inps telematicamente mediante una delle seguenti modalità:

WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto (.inps.it - Servizi on line);

Contact Center integrato – n. 803164 gratuito da rete fissa o n. 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;

Patronati, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

La domanda telematica va inoltrata prima dell’inizio del congedo di maternità ed, in ogni caso, non oltre un anno dalla fine del periodo indennizzabile, pena la prescrizione del diritto all’indennità.
La lavoratrice è tenuta a comunicare la data di nascita del figlio e le relative generalità entro 30 giorni da parto mediante una delle modalità telematiche sopra indicate.
Le lavoratrici autonome trasmettono la domanda telematica a parto avvenuto.

Attenzione: Il certificato medico di gravidanza ed ogni altra certificazione medico sanitaria richiesta per l’erogazione delle prestazioni economiche di maternità/paternità dev’essere presentata in originale alla Struttura Inps competente, allo sportello oppure a mezzo raccomandata postale in busta chiusa.

17 / 05 / 2014

Scrivi un commento



Pagina aggiornata il

 

COME FARE PER.....
ISEE 2017. MODELLO DSU. NOVITA' E GUIDA COMPILAZIONE

MODELLO F24. SI PAGA SOLO ONLINE. LA GUIDA

RIFORMA SCUOLA. STIPENDIO INSEGNANTI. COME CAMBIA

MANUTENZIONE CALDAIE. CONTROLLI OGNI 4 ANNI

CALDAIE E CONDIZIONATORI. ENTRO IL 15 OTTOBRE SI DEVONO CAMBIARE I LIBRETTI. ECCO COME FARE

GUIDA BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

Rimborsi imposte. Come fare. Modelli, scadenze e info

Come fare domanda di disoccupazione

Come usare i buoni lavoro. La guida

Come chiedere la maternità. Guida e casi particolari

Inps pin servizi online. Come richiederlo

Bonus famiglia. Requisiti. Come fare domanda

Come chiedere la cessione del quinto. Cosa controllare

Come riscattare il lavoro svolto all'estero

Come calcolare la pensione

Come richiedere estratto conto contributi pensione Inps

Lavoro intermittente: versamenti volontari integrativi. La guida

Come fare e-Commerce: regole e costi. La guida

Come aprire un B&B. Leggi, costi, requisiti e consigli

Condizionatori: bonus fiscale. Come funziona
VACANZA ROVINATA. COME CHIEDERE I RIMBORSI

Overbooking: cosa fare. I diritti del passeggero
Come registrare contratto affitto. Guida compilazione modello RLI

Cedolare secca: come funziona. Le scadenze. Quando conviene

Bonus fiscale prima casa. Requisiti e casi particolari

Come fare la manutenzione della caldaia: controlli ogni 4 anni. Le nuove regole

Come risparmiare sulle bollette di luce, acqua, gas

Regimi fiscali agevolati. Requisiti, imposte e documenti da tenere

Come fare un Business plan. La guida






RIFORMA PENSIONI. COSA CAMBIA

PENSIONE LAVORATORI PRECOCI E USURANTI. CAMBIANO LE REGOLE


APE. ANTICIPO PENSIONISTICO. COME FUNZIONA. LE SIMULAZIONI

APE VOLONTARIA. ECCO QUANTO COSTA. SIMULATORE ONLINE

APE SOCIALE. PENSIONE PRECOCI. COME FUNZIONA

RITA. PENSIONE INTEGRATIVA IN ANTICIPO. COME FUNZIONA

TFR. IN AZIENDA O PREVIDENZA COMPLEMENTARE. GUIDA E CONSIGLI





Pensione, busta arancione Inps. Come leggerla. Chi la riceve. Cosa fare

GUIDA ALLA PENSIONE INTEGRATIVA








TUTTO SULLE PENSIONI




INPS PIN. COME FARE RICHIESTA. A COSA SERVE

CALCOLO PENSIONE METODO CONTRIBUTIVO

COME CALCOLARE LA PROPRIA PENSIONE. GUIDA ED ESEMPI

CALCOLO CONTRIBUTI PENSIONE INPS. COME FARE RICHIESTA

PENSIONE ANTICIPATA. REQUISITI E SCADENZE


PENSIONE. RICONGIUNZIONE CONTRIBUTI. COME FARE DOMANDA


PENSIONE LAVORATORI AUTONOMI. REQUISITI E TABELLE



ALTRE NOVITA'




Privacy
www.finanzautile.org di Riccardo Capannelli - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -