finanza utile
Finanza utile
martedì 21 maggio 19 - 09:19






Pensione: ricongiunzione contributi. Come fare domanda

Al fine del calcolo della propria pensione, chi ha posizioni assicurative in gestioni previdenziali diverse, può ricongiungere tutti i periodi contributivi presso un’unica gestione, allo scopo di ottenere una sola pensione.

La ricongiunzione, avviene a domanda del diretto interessato o dei suoi superstiti e deve comprendere tutti i periodi di contribuzione (obbligatoria, volontaria, figurativa, riscattata) che il lavoratore ha maturato in almeno due diverse forme previdenziali fino al momento della richiesta e che non siano già stati utilizzati per liquidare una pensione.

I periodi ricongiunti sono utilizzati come se fossero sempre stati versati nel fondo in cui sono stati unificati e danno quindi diritto a pensione in base ai requisiti previsti dal fondo stesso.

Attenzione: solitamente questo tipo di operazione è a titolo oneroso: il costo varia a seconda del richiedente, della retribuzione, dell’età anagrafica e dell’anzianità contributiva maturata.


I TEMPI

I lavoratori e i superstiti dei lavoratori dipendenti, con periodi contributivi iscritti all’AGO (Assicurazione Generale Obbligatoria) o forma obbligatorie di previdenza sostitutive, possono effettuare la ricongiunzione in qualsiasi momento, trasferendo i contributi presso la gestione previdenziale in cui risultano iscritti al momento della domanda di ricongiunzione. È il caso dei dipendenti pubblici che vogliano trasferire i contributi dalla gestione ex Inpdap all’Inps. I lavoratori autonomi, invece, possono chiedere la ricongiunzione contributiva se hanno almeno 5 anni di contributi immediatamente antecedenti versati nell’AGO o in due o più gestioni previdenziali diverse.

COME FARE DOMANDA

Dal 16.03.2015, la presentazione delle domande di ricongiunzione in oggetto dovrà avvenire esclusivamente in via telematica; fino al 15.03.2015 è previsto un periodo transitorio, durante il quale tali domande potranno essere presentate sia attraverso la consueta modalità, in formato cartaceo, sia nella modalità telematica.

Al termine del periodo transitorio l’impiego del canale telematico diventerà esclusivo e le istanze presentate in altra modalità non saranno procedibili.

Le domande devono essere presentate attraverso uno dei seguenti canali:

WEB: servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto (Ecco come fare richiesta del Pin>>>>)


Patronati: attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi

Contact Center Integrato: chiamando da rete fissa il numero verde 803164, oppure da rete mobile il numero 06 164164, a pagamento, secondo il piano tariffario del proprio gestore telefonico.

COME PAGARE

Di norma il pagamento avviene utilizzando i bollettini MAV da versare presso sportello bancario senza costi aggiuntivi o uffici postali pagando la commissione postale. I bollettini possono essere acquisiti: dall’INPS, che li invia insieme al provvedimento di accoglimento della domanda di ricongiunzione

online dal sito INPS (.inps.it > Portale dei Pagamenti > riscatti ricongiunzioni e rendite) con codice PIN

dal contact center INPS al numero 803164 gratuito da rete fissa o 06164164 da rete mobile a pagamento.

Indicando codice fiscale e numero pratica, il pagamento può avvenire anche presso:
  • tabaccherie del circuito Reti Amiche
  • Sportelli bancari di Unicredit o il suo sito internet
  • Sito INPS (inps.it > Portale dei Pagamenti > riscatti ricongiunzioni e rendite) con carta di credito o tramite contact center.
Ricordiamo che il pagamento può avvenire in unica soluzione, entro 60 giorni dalla ricezione del provvedimento di accoglimento dell’INPS o a rate, con maggiorazione degli interessi legali calcolati al tasso vigente. In caso di versamento rateale, se non sono pagate due rate consecutive, in pendenza di rateazione, viene annullata l’operazione di ricongiunzione, con rimborso di quanto versato. Si potrà riproporre una nuova domanda dopo 10 anni o al momento del pensionamento.

26 / 01 / 2015


Pagina aggiornata il

 

*




RIFORMA PENSIONI. COSA CAMBIA

PENSIONE LAVORATORI PRECOCI E USURANTI. CAMBIANO LE REGOLE


APE. ANTICIPO PENSIONISTICO. COME FUNZIONA. LE SIMULAZIONI

APE VOLONTARIA. ECCO QUANTO COSTA. SIMULATORE ONLINE

APE SOCIALE. PENSIONE PRECOCI. COME FUNZIONA

RITA. PENSIONE INTEGRATIVA IN ANTICIPO. COME FUNZIONA

TFR. IN AZIENDA O PREVIDENZA COMPLEMENTARE. GUIDA E CONSIGLI





Pensione, busta arancione Inps. Come leggerla. Chi la riceve. Cosa fare

GUIDA ALLA PENSIONE INTEGRATIVA








TUTTO SULLE PENSIONI




INPS PIN. COME FARE RICHIESTA. A COSA SERVE

CALCOLO PENSIONE METODO CONTRIBUTIVO

COME CALCOLARE LA PROPRIA PENSIONE. GUIDA ED ESEMPI

CALCOLO CONTRIBUTI PENSIONE INPS. COME FARE RICHIESTA

PENSIONE ANTICIPATA. REQUISITI E SCADENZE


PENSIONE. RICONGIUNZIONE CONTRIBUTI. COME FARE DOMANDA


PENSIONE LAVORATORI AUTONOMI. REQUISITI E TABELLE



ALTRE NOVITA'






COME SI ACCEDE AL MODELLO 730 PRECOMPILATO

COME RICHIEDERE IL CODICE PIN AGENZIA DELLE ENTRATE

COME SI PRESENTA IL MODELLO 730 PRECOMPILATO

COSA C'E' DI NUOVO NEL MODELLO 730/2015

CHI DEVE INTEGRARE IL MODELLO 730. VANTAGGI E SVANTAGGI

COME DELEGARE IL CAF. MODELLO FAC-SIMILE

I DOCUMENTI DA PRESENTARE PER LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. LE SPESE DETRAIBILI E DEDUCIBILI

COME ACCETTARE O MODIFICARE LA DICHIARAZIONE


COSA FARE IN CASO DI DISOCCUPAZIONE. PAGAMENTI E RIMBORSI


MODELLO 730: COSTI IN AUMENTO. LE NUOVE TARIFFE DEI CAF

DETRAZIONI SPESE MEDICHE. GUIDA COMPILAZIONE

DETRAZIONI POLIZZE VITA E INFORTUNI

DETRAZIONI FAMILIARI A CARICO

DETRAZIONI SPESE ISTRUZIONE

BONUS IRPEF 80 EURO. COME INSERIRLO NEL MODELLO 730. GUIDA COMPILAZIONE

COSA FARE IN CASO DI ERRORE

MODELLO 730. LE OPERAZIONI DA FARE

MODELLO 730. COME E QUANDO SI PRESENTA

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 (EX CUD)

CERTIFICAZIONE UNICA 2015. COME RICHIEDERLA

ISEE 2015 MODELLO DSU


Modello Unico PF 2015. Guida compilazione. Novità e scadenze




Privacy
www.finanzautile.org di Riccardo Capannelli - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -