finanza utile
Finanza utile
venerdì 15 dicembre 17 - 02:43






Caldaie e condizionatori. Nuovo libretto impianto. Cosa si deve fare. Costi e multe

Arriva il nuovo libretto per gli impianti di riscaldamento e condizionamento della nostra abitazione. Rispetto ai precedenti controlli previsti per legge dal D.P.R. 74/13, prevede due grandi novità.

La prima è che nel libretto verranno registrati tutti gli impianti presenti nelle abitazioni degli italiani: non più solo caldaie e sistemi di riscaldamento, dunque, ma anche sistemi di climatizzazione, impianti solari e così via.

La seconda è che, accanto all’efficienza degli impianti, questa nuova disposizione prevede una diagnosi completa che ne andrà a verificare sicurezza, salubrità e igiene.

Lorenzo Epis, consulente di Domotecnica, la prima e unica rete nazionale indipendente in franchising per le aziende di installazione che operano nel campo dell’efficienza energetica e delle rinnovabili, commenta:

“Attualmente attorno al libretto d’impianto c’è grande confusione e chi era tenuto a dare chiarimenti ai cittadini al momento non si è ancora attivato. Inoltre, a livello mediatico, quello che non è emerso è che questo provvedimento non è un nuovo balzello o un nuovo onere, ma una garanzia di sicurezza.


Con i nuovi controlli si assicurerà ai cittadini che gli ambienti in cui vivono e lavorano sono sicuri e salubri, oltre che riscaldati e raffrescati da sistemi energeticamente efficienti.”

VADEMECUM DI DOMOTECNICA PER LE FAMIGLIE

Come si ottiene un libretto d’impianto?

Innanzitutto va precisato che con il 15 ottobre non deve scattare la ‘corsa al libretto’ per mettersi in regola. La normativa prevede, infatti che, a partire da questa data, e secondo le scadenze di manutenzione degli impianti già regolamentate dalle singole Regioni, ogni cittadino si doti del libretto d’impianto, che affianca quello vecchio che non deve essere buttato.

In ogni abitazione ci saranno perciò due tipologie di libretti: uno per il rapporto sull’efficienza in cui registrare le prestazioni degli impianti e uno per l’uso e la manutenzione per la sicurezza che indica gli interventi di controllo ed eventuale manutenzione per garantirne la sicurezza e la salubrità. “Ogni cittadino dovrebbe provvedere in maniera indipendente a cercare e compilare il proprio libretto d’impianto, ma questo è un’utopia – precisa Epis – Per ovviare al problema sarà sufficiente durante il prossimo controllo dell’impianto di riscaldamento richiederlo al manutentore che verrà a casa”.
  • Chi deve chiamare il manutentore? Chi è il responsabile dell’impianto?
Il responsabile d’impianto (di riscaldamento e climatizzazione) è l’occupante dell’abitazione a qualunque titolo, quindi il proprietario nel caso di abitazione privata e l’inquilino in caso di affitto. Fa eccezione l’affittuario in un condominio con riscaldamento centralizzato, dove la responsabilità è dell’amministratore. Se è però presente nell’appartamento un impianto di climatizzazione estiva, la responsabilità è dell’affittuario che deve farne verificare la sicurezza.
  • Come scegliere il manutentore?
Per effettuare i nuovi controlli di sicurezza, è necessario rivolgersi a manutentori o installatori in possesso dei necessari requisiti di legge (lettere c, d ed e del decreto 37/08, ex 46/90) ovvero che siano abilitati per operare su impianti di riscaldamento e di climatizzazione, su impianti idrosanitari, e che possano realizzare, manutenere e controllare cisterne e condutture di gas allo stato liquido o aeriforme all'interno degli edifici.


“Per tutelarsi i cittadini possono richiedere al manutentore di esibire il modulo della Camera di Commercio che certifica i suoi requisiti e la sua professionalità”, spiega Epis.
  • Una volta chiamato l’installatore o il manutentore, cosa aspettarsi? Cosa verrà verificato e quanto costa l’uscita del tecnico?
Il tecnico effettuerà un controllo e un’eventuale manutenzione, monitorando le funzionalità dell’impianto, verificandone il rendimento e la salubrità, controllando non solo caldaie e generatori di caldo o freddo, ma ogni componente dell’impianto. Se un intervento di controllo su un impianto domestico variava in media tra i 100 e i 120 euro, con l’aggiunta dei controlli e della sanificazione, prevista dal nuovo libretto, una famiglia con una caldaia collegata a 4/5 caloriferi ed un impianto di climatizzazione con 2 o 3 split verrà a spendere mediamente 200 euro. “Un costo superiore che vale però la garanzia di sicurezza degli impianti” prosegue Epis.
  • A chi spetta il pagamento del controllo e della manutenzione?
Dato che il responsabile è l’occupante, sia che esso sia proprietario o inquilino, deve farsi carico delle spese del controllo e della manutenzione, come è avvenuto fino a oggi. “Chi è in affitto – precisa Epis – dovrà farsi carico delle sole spese ordinarie. Le spese straordinarie, come la sostituzione di tecnologie o interventi significativi sull’impianto che verranno indicati dal manutentore, sono a carico del proprietario dell’appartamento”.
  • Cosa succede a chi non effettua questi interventi?
Per i cittadini è prevista una sanzione che parte dai 500 euro e arriva sino ai 3mila euro. Anche per l’installatore che comunica in maniera errata o incompleta l’esito del controllo è prevista una multa che va dai mille ai 6mila euro.
  • Ogni quanto verranno effettuati questi controlli?
La manutenzione per l’efficienza, e quindi la sua periodicità, rimarrà a discrezione delle singole Regioni e potrebbe variare dai due ai quattro anni (salvo indicazioni diverse). Mentre per tutto ciò che riguarda la manutenzione e la verifica della sicurezza e salubrità fa fede quando indicato dal manutentore. “Spetterà al tecnico indicare la frequenza di questi controlli, anche se – salvo eccezioni - si tratterà di una revisione annuale” prevede Lorenzo Epis.
  • A chi verrà comunicato l’esito della diagnosi effettuata e come avverranno le verifiche?
Il rapporto di controllo verrà inviato dal manutentore agli enti preposti. Le verifiche non verranno più effettuate a campione, ma si partirà da coloro che non hanno effettuato gli interventi e del cui impianto non è arrivata alcuna notifica al catasto preposto. A seguire verranno effettuati controlli sugli impianti ‘segnalati’.

14 / 10 / 2014

Pagina aggiornata il

Scrivi il tuo commento sulla pagina
'Caldaie e condizionatori. Nuovo libretto impianto. Cosa si deve fare. Costi e multe '


 

GUIDA AI SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE

NASpI. Nuovo sussidio disoccupazione. Requisiti e domanda

Sussidio disoccupazione cocopro. DIS-COLL. Requisiti e domanda

Asdi, assegno di ricollocazione. Requisiti. Come fare domanda


Regime forfettario 2016. Guida su requisiti, tassazione e contributi


Canone Rai 2016. Chi deve pagare. Scadenze, esenzioni e sanzioni


IRPEF: SCAGLIONI E ALIQUOTE 2016. COSA CAMBIA


PENSIONI 2016. COSA CAMBIA



Tasse e agevolazioni sulla casa. Cosa cambia dal 2016


Casa: contributo affitto e aiuti per sfratto. Requisiti. Come fare domanda


BONUS CASA 2016. (RISTRUTTURAZIONI, ECOBONUS E BONUS MOBILI). LE NUOVE REGOLE DA SEGUIRE









ISEE 2015. MODELLO DSU. GUIDA COMPILAZIONE


SOCIAL CARD DISOCCUPATI 2015. REQUISITI. COME FARE DOMANDA

CARTA ACQUISTI. REQUISITI. COME FARE DOMANDA














ALLARME PENSIONI. ECCO COME SARANNO. SITUAZIONE GRAVE PER GIOVANI E AUTONOMI









CONTI CORRENTI, DEPOSITI, POLIZZE VITA, INVESTIMENTI: COSA CONTROLLA IL FISCO




TFR IN BUSTA PAGA. A CHI CONVIENE. COME FARE DOMANDA





NASPI. NUOVO SUSSIDIO DISOCCUPAZIONE. REQUISITI E DOMANDA






SURROGA MUTUO. COME FUNZIONA. LE OFFERTE SUL MERCATO



BONUS MOBILI E ELETTRODOMESTICI 2015. COME E QUANDO FARE DOMANDA




Bonus bebè 2015. Requisiti. Come fare domanda



COME CHIEDERE LA MATERNITA'. GUIDA E CASI PARTICOLARI



Canone Rai 2015. Costo 113,50 euro. Esonerati, ritardi e sanzioni



Bollo auto: guida al calcolo. Come pagare. Le sanzioni



Termosifoni: obbligo istallazione valvole termostatiche. Come fare

MANUTENZIONE CALDAIE OGNI 4 ANNI

NUOVO LIBRETTO IMPIANTI. COSA FARE

ACCENSIONE TERMOSIFONI. ORARI E DATE




CALDAIE, ECO-STUFE, CAMINETTI. AGEVOLAZIONI FISCALI

COME RICHIEDERE L'ESTRATTO CONTO CONTRIBUTI PENSIONE


COME USARE I BUONI LAVORO. LA GUIDA

COME RISCATTARE I CONTRIBUTI DA LAVORO SVOLTO ALL'ESTERO


Pensione: accredito contributi maternità. Requisiti. Come fare domanda


TUTTO SULLA CASA

Guida acquisto casa. Tasse e agevolazioni

BONUS FISCALE ACQUISTO CASA. REQUISITI E INFO UTILI

Casa: il contratto preliminare. Come funziona. Le tasse da pagare

Casa: come registrare un contratto di affitto. Le tasse da pagare

Guida compilazione modello RLI

Casa: ripartizione spese tra proprietario e inquilino. La tabella

Detrazione affitto. A chi spetta. Guida ed esempi


Cedolare secca. Come funziona. Tasse e calcolo


Bonus affitto e riscatto casa. Come funziona


Casa: fondo inquilini morosi. Requisiti e domanda







RIFORMA PENSIONI 2017. COSA CAMBIA

PENSIONE LAVORATORI PRECOCI E USURANTI. CAMBIANO LE REGOLE


APE. ANTICIPO PENSIONISTICO. COME FUNZIONA. LE SIMULAZIONI

APE VOLONTARIA. ECCO QUANTO COSTA. SIMULATORE ONLINE

APE SOCIALE. PENSIONE PRECOCI. COME FUNZIONA

RITA. PENSIONE INTEGRATIVA IN ANTICIPO. COME FUNZIONA

TFR. IN AZIENDA O PREVIDENZA COMPLEMENTARE. GUIDA E CONSIGLI





Pensione, busta arancione Inps. Come leggerla. Chi la riceve. Cosa fare

GUIDA ALLA PENSIONE INTEGRATIVA








TUTTO SULLE PENSIONI




INPS PIN. COME FARE RICHIESTA. A COSA SERVE

CALCOLO PENSIONE METODO CONTRIBUTIVO

COME CALCOLARE LA PROPRIA PENSIONE. GUIDA ED ESEMPI

CALCOLO CONTRIBUTI PENSIONE INPS. COME FARE RICHIESTA

PENSIONE ANTICIPATA. REQUISITI E SCADENZE


PENSIONE. RICONGIUNZIONE CONTRIBUTI. COME FARE DOMANDA


PENSIONE LAVORATORI AUTONOMI. REQUISITI E TABELLE



ALTRE NOVITA'




Privacy
www.finanzautile.org di Riccardo Capannelli - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -