finanza utile
Finanza utile
domenica 16 giugno 19 - 13:11






Bonus mobili elettrodomestici. Requisiti e lavori incentivati

Per usufruire dei bonus fiscali riguardanti l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici bisogna aver fatto almeno un intervento di manutenzione straordinaria in casa.

REQUISITI

Ricordiamo che l’agevolazione sugli arredi è riservata soltanto a chi beneficia anche della detrazione fiscale del 50% per il recupero edilizio. Tuttavia, mentre la legge istitutiva del bonus mobili fa riferimento a un lungo elenco di possibili lavori – contenuto nell'articolo 16-bis del Tuir – le Entrate con la circolare 29/E/2013 hanno ristretto la lista ai soli lavori che rientrano almeno nella manutenzione straordinaria o in categorie di lavori più "pesanti" (restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, interventi su immobili danneggiati da calamità naturali, interventi di recupero edilizio di interi fabbricati da parte di imprese di costruzione).

La manutenzione ordinaria, invece, consente di avere il bonus mobili solo se eseguita sulle parti comuni di un condominio, e solo per arredare le parti comuni, come ad esempio la guardiola del portiere.

Di conseguenza, non è possibile abbinare il bonus mobili a quegli interventi eseguiti nelle singole abitazioni che l'articolo 16-bis del Tuir agevola con il 50% a prescindere dalla categoria edilizia in cui ricadono: ad esempio, opere per la prevenzione di atti illeciti da parte di terzi, interventi di cablatura degli edifici, interventi per il risparmio energetico. In tutte queste situazioni, bisognerà valutare caso per caso – da soli o con l'aiuto di un tecnico – se i lavori eseguiti ricadono, come minimo, nella manutenzione straordinaria.

QUALCHE ESEMPIO

Lavori come la tinteggiatura delle pareti o la sostituzione delle piastrelle – se non abbinati ad altri interventi edilizi più pesanti – sono qualificati come manutenzione ordinaria. Se vengono eseguiti all'interno delle singole abitazioni, non danno diritto al 50% "edilizio" e, di conseguenza, neppure al bonus per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Il rifacimento del bagno, se comporta anche il cambio delle tubature, è un lavoro di manutenzione straordinaria della casa. Via libera, quindi, alla detrazione sull'acquisto di mobili ed elettrodomestici – anche se destinati ad arredare altre stanze della casa – con un recupero fiscale del 50% calcolato su una spesa massima di 10mila euro.

Insomma, non basta pagare con carta di credito o bonifico, non basta far ristrutturare l’abitazione, bisogna anche farsi consigliare e seguire (magari da esperti del settore) per capire se si ha diritto agli sconti fiscali e in che percentuale e per quali interventi.

LEGGI ANCHE>>>>>

06 / 03 / 2014


Pagina aggiornata il

 

*
MODELLO 730 PRECOMPILATO. COSA CONTIENE, LE SCADENZE E COSA SI DEVE FARE


GUIDA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2014

MODELLO 730 E MODELLO UNICO. NUOVE SCADENZE

COME PAGARE MENO TASSE NEL 730/2014. LA GUIDA

    AGEVOLAZIONI PER DISABILI





    Come aprire un B&B. Leggi, costi, requisiti e consigli

    TIM E VODAFONE. DIVENTANO A PAGAMENTO I SERVIZI DI AVVISO DI CHIAMATA. ECCO COME DISATTIVARLO


    Pagamenti e prelievi all'estero. Come risparmiare. Costi e consigli

    RENDITE FINANZIARIE. ALIQUOTA AL 26%. ECCO COME EVITARLA


    COME RICHIEDERE L'ESTRATTO CONTO CONTRIBUTI PENSIONE

    COME CHIEDERE LA MATERNITA'. GUIDA E CASI PARTICOLARI

    COME USARE I BUONI LAVORO. LA GUIDA

    COME RISCATTARE I CONTRIBUTI DA LAVORO SVOLTO ALL'ESTERO

    COME REGISTRARE IL CONTRATTO DI AFFITTO. GUIDA COMPILAZIONE MODELLO RLI



    BONUS FAMIGLIA. REQUISITI. COME FARE DOMANDA


    Taglio Irap: quanto risparmiano le varie categorie. Le nuove aliquote


    Pensione: accredito contributi maternità. Requisiti. Come fare domanda


    Auto: cambio gomme. Chi lascia quelle invernali rischia multe e sequestro






    Privacy
    www.finanzautile.org di Riccardo Capannelli - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -