finanza utile
Finanza utile
martedì 26 marzo 19 - 10:54






Imu: il saldo sarà un salasso. Rincari anche del 200% rispetto all‘Ici. Situazione città per città

Il timore degli italiani sta diventando realtà. Il saldo del prossimo 17 dicembre dell’Imu sarà un vero salasso. Stando agli ultimi calcoli effettuati dall’Ufficio studi della Confedilizia, dopo le modifiche approvate dai Comuni entro il 31 ottobre, si registrano aumenti di imposta, rispetto all’Ici, fino al 207% per i contratti liberi e al 2.330% per quelli concordati.

Sarà dunque l’applicazione della maggiore aliquota deliberata dai vari Comuni, rispetto a quella base uniformemente adoperata per la prima rata e pari al 7,6 per mille, ad avere effetti molto pesanti, soprattutto per chi ha affittato con contratti «liberi», per i quali gli aumenti percentuali sono tutti a tre cifre e 13 capoluoghi su 20 hanno scelto l’aliquota massima.

Va ricordato, per completezza, che la maggiorazione dell’esborso dell’imposta da Ici a Imu è determinata oltre chedall’aumento dell’aliquota, dall’incremento del 60% della base imponibile, dovuto alla variazione del moltiplicatore da applicare alla rendita catastale.

FACCIAMO QUALCHE ESEMPIO

Sui contratti calmierati (3+2) e prendendo come campione un immobile di categoria A/2, cinque vani, in zona semiperiferica.

Nelle città di Roma, Napoli e Perugia, ad esempio, dove per la seconda rata si applicherà l’aliquota massima del 10,6 per mille, l’aggravio complessivo dell’Imu rispetto all’Ici sarà rispettivamente del 269%, del 143% e del 142%.

A Roma, partendo da una rendita catastale di 787,60 euro, se la prima rata è stata di 503 euro, la seconda sarà di 900, per un totale di 1.403 euro. Una bella cifra se si tiene conto che per l’Ici un’abitazione pagava in totale 380 euro.

A Napoli, stesso discorso: partendo da una rendita catastale di 800,51 euro e da una prima rata di 511 euro, ci si ritrovaa settembre con 915 euro, per un totale di 1.426.

A Napoli l’Ici complessiva per un’abitazione di questo tipo valeva 588 euro.

SALASSO, MA NON PER TUTTI
Ma ci sono buone notizie per alcune città dove il saldo dell’Imu sarà meno pesante. E’ il caso di Milano, Trieste e Torino, dove l’aliquota scelta dal Comune è inferiore a quella base del 7,6 per mille: per le prime due si colloca al 6,5 per mille, per l’ultima a 5,75.

Così, a Milano se per la prima rata per un immobile, sempre in affitto calmierato, con rendita catastale di 877,98 euro si è pagato 560 euro, per la seconda bisognerà sborsarne 399, per un totale di 959 euro rispetto ai 369 dell’Ici (+160%).

A Torino, su una rendita catastale di 787,60 euro, si passa da un acconto Imu di 503 a un saldo 258 euro per complessivi 761 rispetto agli 83 dell’Ici (+817%).

Vanno segnalate anche le città che manterrannoinvariata l’aliquota base del 7,6 per mille, come Ancona, Aosta, Bologna, Firenze, Genova e Venezia. In quest’ultima città si passerà da un esborso complessivo di soli 40 euro per l’Ici a un’Imu totale da 972 euro, con una maggiorazione record del 2.330%.

CONTRATTI LIBERI

Passando ai contratti «liberi» (4+4), le cose peggiorano. Lo studio di Confedilizia individua rincari Imu rispetto all’Ici del 142% a Roma, Torino, Firenze, Genova, Venezia e Bari, tutte città in cui l’aliquota applicata per la seconda rata sarà quella del 10,6 per mille. Ma il record dell’aumento spetta a Milano, dove l’aliquota della seconda rata sarà del 9,6 per mille, così per una casa con rendita di 877,98 euro, da un pagamento Ici di 461 euro complessivi si passerà a un esborso totale per l’Imu di 1.416 euro (+207%).

Subito dopo c’è Aosta con un aggravio del 204%. Segue Bologna dove, partendo da una rendita catastale di 1.020 euro, se la prima rata è stata di651 euro, la seconda sarà di 1.165, per un totale di 1.816 euro rispetto ai 610 per l’Ici (+198%). A Roma si passerà da 579 per l’Ici a 1.403 per l’Imu, a Napoli da 588 a 1.426.

04 / 11 / 2012


Pagina aggiornata il

 

*




MOBILITA': REQUISITI E DOMANDA

DISOCCUPAZIONE LAVORATORI EDILIZIA

PENSIONI: REQUISITI E TABELLE

PENSIONI INVALIDITA' 2017

AGEVOLAZIONI PER DISABILI

SOCIAL CARD 2017

PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO

PRESTITI INPS (EX INPDAP)

ASSEGNO SOCIALE

OBBLIGO PNEUMATICI DA NEVE

ASSICURAZIONE CASALINGHE

ASSICURAZIONE RC AUTO: NOVITA'

RISPARMIARE ENERGIA

DETRAZIONI PER LA FAMIGLIA

LAVORO OFFERTE

IL MONDO DELLA SCUOLA

INVESTIRE IN TITOLI DI STATO

AUTOVELOX: COME EVITARE LE MULTE

DISDETTA SKY: COME FARE

DISDETTA ADSL: COME FARE. I COSTI

GAS: COME RISPARMIARE RISCALDAMENTO




Privacy
www.finanzautile.org di Riccardo Capannelli - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -