finanza utile
Finanza utile
mercoledì 23 aprile 14 - 08:40


   | OFFERTE DI LAVORO |  | REDDITOMETRO | CARTELLE EQUITALIA | INCENTIVI IMPRESE-LAVORO
  Home | FEED RSS | PENSIONI: NOVITA' 2014 | SPESOMETRO: LA GUIDA | RC PROFESSIONALE: GUIDA Archivio | Email | Finanzautile
Economia
Titoli di Stato
Pensioni
POLITICA
FISCO E TASSE





Cerca nel sito





Titoli di stato: investire nei BTpi

Con l'inflazione che rialza la testa sono tornati sugli scudi i titoli di Stato indicizzati all'Istat.

COME FUNZIONANO

I BTpi (titoli di Stato italiani indicizzati) sono strumenti finanziari che rappresentano una valida protezione di lungo periodo e consentono di battere l'inflazione, quando sono tenuti in portafoglio fino a scadenza.

I titoli offrono una cedola che ogni anno cresce sulla base del carovita e in più garantiscono a scadenza un capitale rivalutato secondo l'inflazione del periodo.

QUANTO RENDONO OGGI

Il BTpi con scadenza nel 2014, per esempio, agli attuali prezzi di mercato offre un rendimento netto a scadenza reale del 2,31% e nominale del 6,42 per cento.

Si tratta di un risultato piuttosto interessante in quanto un classico BTp di pari durata, a scadenza, oggi offre un risultato molto inferiore: 4,15% nominale netto.

Naturalmente l'esito finale del confronto dipenderà dalla possibilità che l'inflazione rilevata nel futuro sia superiore o inferiore a quella implicita nel prezzo dello strumento indicizzato. Attualmente il differenziale di rendimento tra la versione indicizzata e l'emissione ordinaria sconta un'inflazione da qui al 2014 di poco meno del 3% annuo, quindi inferiore a quella recente. Ma se si ritiene che nei prossimi anni la dinamica dei prezzi sarà superiore, la versione inflation-linked è da preferire, ma in caso contrario la scelta dovrebbe cadere su un'obbligazione tradizionale.

I PRODOTTI

Un prodotto che sta riscuotendo un certo successo è il buono fruttifero postale legato all'inflazione (BPFi).

Una soluzione ideale per chi ha delle piccole cifre da investire, in quanto entrano in gioco anche i costi che il risparmiatore deve sostenere per sottoscrivere l'investimento.

I BPFi sono sottoscrivibili anche con 250 euro, senza dover sostenere alcun costo di custodia titoli e di invio di estratti conto. Ogni mese la Cassa Depositi e Prestiti emette una nuova serie a condizioni diverse. La I31, in vigore dal primo agosto, offre un rendimento reale annuo crescente nel tempo, che al decimo anno si assesta all'1,2% lordo.

Pagine correlate Titoli di Stato

Titoli di stato: investire nei BTpi





Contatti

Per contattare la redazione del sito Finanzautile scrivere all'indirizzo email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it

 

TUTTE LE NOTIZIE SUI TITOLI DI STATO

INVESTIRE IN TITOLI DI STATO

GUIDA AI MUTUI

PORTABILITA' DEI MUTUI: LO SCHEMA APPROVATO DALL'ABI

LA RIFORMA PREVIDENZIALE




Elezioni europee e comunali 2014. Come e quando si vota

Bonus 80 euro Renzi: da maggio ma non per tutti. Ma si rischia un taglio della pensione

NIENTE BONUS PER I DIPENDENTI PUBBLICI



Auto: cambio gomme. Chi lascia quelle invernali rischia multe e sequestro RENDITE FINANZIARIE. DAL 1 LUGLIO ARRIVA IL SALASSO. ALIQUOTA AL 26%. ECCO COME EVITARLO

GUIDA DICHIARAZIONE DEI REDDITI


LE MISURE DEL GOVERNO RENZI
Aumento busta paga. Ecco chi avrà i benefici maggiori. Tabella fasce reddito

- Piano casa: cedolare secca al 10%. Detrazioni sugli affitti. Tutte le misure

- Naspi: nuovo sussidio disoccupazione. Come funziona

- Lavoro: novità su contratti e cassa integrazione. Arriva l’assegno universale di disoccupazione

- Pensioni: contributo solidarietà sopra i 2.000 euro. Ecco chi paga




SUSSIDI E SOSTEGNO AL REDDITO


TUTTE LE NOVITA' SUL MONDO DELLE PENSIONI



      portale di Riccardo Capannelli (FUT) pagina pubblicata in 1 secondi
    Note Legali: questo sito web è di proprietà di Riccardo Capannelli a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -
    dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
    Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
    Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.