finanza utile
Finanza utile
domenica 16 giugno 19 - 12:51






Bonus 80 euro Renzi: ai più deboli meno soldi. Simulazione per fasce di reddito

Continua ad allargarsi la platea dei beneficiari degli ormai famosi 80 euro che il governo Renzi a promesso ai lavoratori italiani.

Dopo l’inclusione dei lavoratori che guadagna meno di 8mila euro lordi con contratti di collaborazione flessibili o discontinui (co.co.co., atipici e stagionali) adesso la misura sarà concessa anche a colf e badanti.

Il meccanismo sarà il medesimo: i soldi saranno anticipati mensilmente dal datore di lavoro che poi recupera la somma al momento di versare i contributi trimestrali all’Inps.

Per loro la misura del bonus si applica in ragione dei mesi lavorati. In pratica, le famiglie funzioneranno da veri sostituti d’imposta essendo lo sconto Irpef in questo caso “senza indirizzo”.

AI PIU’ DEBOLI MENO SOLDI

Sembra incredibile ma il meccanismo studiato dai tecnici del governo per mettere in tasca agli italiani i famosi 1.000 euro all'anno rischia di premiare le fasce medio alte della popolazione e lasciare quasi a “bocca asciutta” le famiglie più bisognose.

Traducendo: c’è il rischio che la misura porti un beneficio concentrato nelle famiglie che tutto sommato hanno una discreta tranquillità economica, alle quali potrebbe andare più della metà delle risorse, mentre chi è nei pressi della soglia di povertà si vedrebbe assegnato meno di un decimo degli stanziamenti governativi.

I NUMERI

Gli economisti dell’Istat hanno ipotizzato di spalmare il beneficio di 10 miliardi complessivi annunciato da Renzi su una platea composta dalle classi di reddito fino a 25mila euro lordi annui, con un aumento lineare delle detrazioni che si sommi a quello voluto da Letta (che da solo pesa per altri 1,8 miliardi).

All'Istat hanno diviso le famiglie beneficiarie per "quinti di reddito", cioè ordinandole dalle più povere alle più ricche (cinque gruppi di uguale numero) prendendo in considerazione non solo il reddito effettivo della famiglia, ma ponderandolo per il numero di membri e il loro "peso" nel nucleo (diverso tra adulti e minori).

Applicando le detrazioni lineari a questa graduatoria si scopre che il guadagno medio annuo è più alto per le famiglie al centro della scala (796 euro per il secondo gruppo e 768 euro per il terzo), mentre al primo vanno 714 euro.

Certo, in rapporto al reddito si sale dal 3,4% dei più poveri allo 0,7% dei più ricchi. Ma per l'Istat "solo il 9,5% della spesa totale viene erogata alle famiglie appartenenti al quinto di reddito più povero. Più della metà della spesa totale", prosegue l'Istat, "viene assegnata a individui in famiglie appartenenti al terzo e quarto quinto, con redditi equivalenti medi e medio-alti.

LEGGI ANCHE>>>>>

ULTIMA IDEA DI RENZI. CANONE RAI NELLA BOLLETTA DELLA LUCE PER PAGARE GLI 80 EURO

16 / 04 / 2014


Pagina aggiornata il

 

*
Come aprire un B&B. Leggi, costi, requisiti e consigli

TIM E VODAFONE. DIVENTANO A PAGAMENTO I SERVIZI DI AVVISO DI CHIAMATA. ECCO COME DISATTIVARLO


Pagamenti e prelievi all'estero. Come risparmiare. Costi e consigli

RENDITE FINANZIARIE. ALIQUOTA AL 26%. ECCO COME EVITARLA


COME RICHIEDERE L'ESTRATTO CONTO CONTRIBUTI PENSIONE

COME CHIEDERE LA MATERNITA'. GUIDA E CASI PARTICOLARI

COME USARE I BUONI LAVORO. LA GUIDA

COME RISCATTARE I CONTRIBUTI DA LAVORO SVOLTO ALL'ESTERO

COME REGISTRARE IL CONTRATTO DI AFFITTO. GUIDA COMPILAZIONE MODELLO RLI



BONUS FAMIGLIA. REQUISITI. COME FARE DOMANDA


Taglio Irap: quanto risparmiano le varie categorie. Le nuove aliquote


Pensione: accredito contributi maternità. Requisiti. Come fare domanda


Auto: cambio gomme. Chi lascia quelle invernali rischia multe e sequestro








TASI, TARI E IMU. ALIQUOTE E SCADENZE. CHI DEVE PAGARE

Casa: Tasi e Tari, sarà un salasso. Aliquote e detrazioni. Ecco dove si pagherà di più

Tasi-Imu è caos. Aliquote, scadenze e calcolo. Ipotesi slittamento

PENSIONI




      Privacy
      www.finanzautile.org di Riccardo Capannelli - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -